Popolare

Cosa vedere a Citera?

Cosa fare?

Dove sto andando a stare?

Alberghi a Kythira

Guarda ogni hotel in dettaglio

Camere e Appartamenti

Camere e appartamenti in tutta l'isola

Case e ville

Pensioni tradizionali

Stai programmando un viaggio?

Rotte e Orari

Visualizzare gli orari

Itinerari in Aereo

Olympic Air - Aegean & Sky Express

Biglietti per Citera

Ora puoi viaggiare da Citera in tutto il mondo

Utile per i viaggi

Citera

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Minoico Iero Korifis

A poca distanza dalla zona archeologica di Paleopoli a Kastri si trova il monte di San Giorgio. Pochi anni fa, nel 1991 è stata fatta un’importante scoperta da Adonis Kyrou, editore famoso della rivista “Estia”. Quel giorno, nel mese di agosto, signor Kyros, noto per il suo amore per la archeologia, è salito sul monte, dalla parte di Avlemonas, ed ha trovato una piccola strada sterrata. Lì vicino ha visto una cosa che brillava, era una piccola statua di rame, ha guardato intorno ed ha visto che tutta la zona era piena di cocci di ceramica! Ha capito subito dove si trovava ed ha chiamato il professore di Archeologia Preistorica, Gianni Sakellaraki, che entro pochi giorni è arrivato a Citera con sua moglie Efi, archeologa. Una visita a San Giorgio gli ha fatti capire che si trovavano alla sommità del tempio minoico di Avlemonas. Hanno subito informato il Servizio Archeologico e l’anno dopo hanno cominciato gli scavi.

Tutto testimoniava che il tempio non è stato mai abbandonato e depredato. Gli scavi sono cominciati nel 1992 e sono finiti nel 1994. Sul monte di San Giorgio è stato trovato il tempio minoico di Citera una scoperta molto importante anche per lo studio della religione minoica, mentre l’altare non era stato depredato. L’unico tra i tanti tempi minoici depredati di Creta. I reperti sono di pietra, oggetti di culto (sui quali vediamo scrittura lineare A), statue di animali di ceramica, offerte di rame, gioielli e oggetti di ceramica. La scoperta più importante, erano le 87 statue minoiche di rame, mentre tutte quelle che avevano scoperto fino il 1994 erano 170; hanno scoperto un secondo tesoro. Il tempio è stato costruito negli anni cristiani. Sul pavimento del tempio si salva un mosaico di diversi argomenti decorativi, scene da caccia e meandri ellenistici. Dal mosaico possiamo capire che il tempio è del VII secolo d.C. Oggi il tempio si salva ed è restaurato, insieme il tempio dei Santi Anargyri, a Paleokastro, sono i monumenti cristiani più antichi di Citera.

Il tempio celebra in onore di San Giorgio e nel cortile i fedeli organizzano una festa tradizionale. Da questa altezza, 350m, qualcuno può vedere le coste sud-ovest del Peloponneso da Capo Malea fino il Taigeto ma anche una grande parte del mar Egeo. In una giornata bella si possono vedere, Anticitera ma anche i monti di Creta, Lefka Ori e il monte Ida (Psiloritis), elementi molto importanti per la navigazione, mentre dal est ci sono le isole di Milos e di Santorini. Da qui si può osservare tutto il passaggio da sud a nord e da est a ovest.

Δες επίσης